Il comune di Dorgali è un centro di circa 9000 abitanti, situato nella provincia di Nuoro. Quella di un nuovo asilo nido, è una necessità vera, infatti il paese non è dotato di una struttura adatta alla crescita dei bambini.

L’asilo attuale è sottodimensionato rispetto alle reali esigenze della popolazione ed è privo di tutta una serie di spazi necessari e richiesti dalle normative attuali (come spazi esterni adeguati, servizi igienici distinti per fasce d’età, dormitori adeguati, ambulatorio, zona adeguata per guardaroba…) . Inoltre può ospitare solo 35 bambini a fronte di una richiesta annuale di circa 50 bambini, per questo ogni anno decine di bambini restano esclusi dal servizio.

I bambini dovrebbero avere spazi adeguati per crescere in libertà e sicurezza, per questo ci si è decisi ad investire in questo ambizioso progetto.

L’asilo di Golloi vuole creare una dimensione a misura di bambini, come una bolla grande, bella e colorata bolla adatta per farli crescere e sognare proteggendoli nei primi anni di vita dalla realtà.

Un progetto per un futuro Sostenibile. Un asilo e un parco urbano per un paese a misura d’uomo e bambino.

anno _ 2013
luogo _ dorgali (nu)
tipologia _  edificio pubblico
committente _ comune di dorgali
tipologia di incarico _ proposta progettuale
progettisti _ davide fancello, luisa zedda

L’obiettivo è stato quello di creare un edificio caratterizzato da una qualità degli ambienti interni ed esterni, adatto allo sviluppo delle abilità psicomotorie, mentali e sociali dei piccoli utenti.

La struttura progettata ospiterà minimo 45 bambini dai 0 a 3 anni, infatti grazie alle grandi aule ad agli spazi aggiuntivi si garantisce la possibilità di aumentare il numero di ospiti a seconda delle richieste.

La zona di Golloi è adatta per ospitare questa nuova struttura. Si tratta di una zona verde situata praticamente al centro del paese, incastonata fra una lottizzazione recente ed un tessuto urbano consolidato.

Il lotto su un lato è in quota con la strada e sull’altro presenta un dislivello di circa 4 m, caratterizzato da un terrazzamento storico in pietra locale, oltre il quale si estende un’area verde di circa un ettaro. In quest’ultima area, superstite dalle colate di cemento degli anni 60 e interessata da preesistenza storiche (muri, fabbricati agricoli, frutteti…), si pensa di realizzare un grande parco urbano. L’area d’intervento presenta anche alcune criticità, come  un orientamento apparentemente sfavorevole.  Partendo da questa criticità e dalla volontà di voler preservare il contesto naturalistico senza costruire edifici pluripiano, l’obiettivo è stato quello di creare un volume introverso ed autonomo, un grande recinto capace di delimitare un nuovo contesto dalle condizioni ambientali adeguate, in cui gli ambienti interni fossero in diretta continuità con nuovi ambiente esterni e che diventasse il luogo adatto per i bambini.

L’edificio si adagia sul terrazzamento esistente chiudendosi verso la strada e aprendosi verso il parco e verso le corti interne previste.

La pianta è strutturata in modo  tale da avere una netta distinzione fra gli spazi serviti e quelli serventi, distinzione che idealmente è stata realizzata prolungando  un muro storico presente sul parco, stesso muro che una volta giunto su strada rigira proteggendo e segnando l’ingresso.

Dal punto di vista architettonico e materico il progetto prevede un’architettura molto semplice all’esterno che, utilizzando materiali locali, si inserisce in maniera ottimale nel contesto. Infatti all’esterno si ha un aspetto severo alterato dalla sola presenza di aperture circolari, irregolari e colorate (nella parte bambini). All’interno si una esplosione di colori, indispensabili per i bambini, e così tutto diventa allegro e giocoso. L’asilo di Golloi vuole creare una dimensione a misura di bambini, come una bolla grande, bella e colorata bolla adatta per farli crescere e sognare proteggendoli nei primi anni di vita dalla realtà.

Dal punto di vista distributivo il progetto fa in modo che gli spazi per le attività diurne legate al gioco, al pranzo e alla didattica e gli spazi destinati al riposo non interferiscano mai tra loro pur essendo collegati visivamente grazie ai vuoti dei patii.

Questi ultimi, gli spazi gioco all’aperto, sono in continuità con lo spazio gioco interno, con i quali formano una continumm spaziale e cromatico; il volume in corrispondenza dei patii, si svuota e filtra l’ambiente esterno grazie a un sistema di piccoli fori circolari, che creano all’interno un gioco di luci e ombre che cambia durante tutto l’arco della giornata e delle stagioni, e che costituisce per i bambini un grande stimolo percettivo e didattico.

Molto importante la copertura che diventa una quinta facciata visibile dagli edifici circostanti e dalla “circonvallazione” vicina. Per questo motivo è stata disegnata in ogni dettaglio e contribuisce a dotare la struttura di tutti gli spazi necessari. Al piano copertura l’edificio si dissolve per dare spazio al dato naturale. Le pareti diventano trasparenti protette da un sistema di doghe. Il piano, così disegnato, ha la duplice funzione di illuminare la hall al primo piano (doppia altezza) e durante le ore serali illuminato dall’interno si trasforma in una “lanterna” diventando un segno identificativo e di richiamo verso il parco e l’asilo.

Lo spazio al piano primo, è uno spazio aggiuntivo da utilizzare in continuità con il parco urbano e anche per attività esterne.

Dal punto di vista energetico l’organizzazione degli spazi è pensata per rispondere non solo agli aspetti funzionali, ma anche a quelli energetici ed ambientali. Tutti gli spazi sono organizzati intorno ai due patii-giardino, due“vuoti” capaci di migliorare notevolmente la qualità degli spazi interni, anche dal punto di vista climatico, favorendo la ventilazione e l’illuminazione naturale. Nel parco urbano si prevede l’installazione di alcune mini pale eoliche. In questo modo i bambini potrebbero essere educati fin da piccoli su tematiche riguardanti la sostenibilità.

 

DATI DIMENSIONALI

ingresso e accettazione _ 51 mq

 

SPAZI DI SERVIZIO E PER LA DIREZIONE

ufficio direzione _ 22 mq

ufficio/aula a disposizione _ 18 mq

ambulatorio _  17 mq

cucina _ 36 mq

servizi igienici divisi fra personale e utenti _ 33 mq

 

SPAZI PER I BAMBINI:

> 45 BAMBINI : 9 LATTANTI + 36 DIVEZZI

(l’asilo è pensato per avere spazi da utilizzare per offrire servizi aggiuntivi per incrementare il numero dei piccoli ospiti – )

 

LATTANTI:

aula protetta, comunicante con corte interna

aula _ 45 mq

dormitorio _ 24 mq

servizi igienici _ 18 mq

 

DIVEZZI:

2 aule unificabili a mezzo di parete a libro. Aule comunicanti con spazio esterno prospiciente il parco urbano.

aula _ 69 mq + 69 mq

dormitorio _ 45 mq + 42 mq

servizi igienici _ 22 mq + 22 mq

 

SPAZI AGGIUNTIVI PER ATTIVITA’

andito chiuso attrezzabile per attività al chiuso _ 62 mq

aula polifunzionale piano primo _ 68 mq

 

IL VERDE – SPAZI AGGIUNTIVI PER ATTIVITA’ ALL’APERTO

patio interno _ 82 mq

corte aule divezzi _ 115 mq

terrazza verde attrezzata _ 120 mq

cortile fronte garage e depositi_ 155 mq

possibilità di utilizzare il futuro parco urbano per attività all’aperto e manifestazioni

 

SPAZI UTILI

armadietti e spazio carrozzine _ 18 mq

garage interno + locali tecnici _ 180 mq

deposito merci e attrezzature _ 85 mq