Produrre energia da fonti rinnovabili è conveniente! 

Attraverso il CONTO TERMICO vengono incentivati interventi di piccole dimensioni per l’incremento dell’efficienza energetica e per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili.

Tale strumento è stato introdotto dal Decreto Legislativo del 3 marzo 2011, n. 28, noto come decreto “Conto Termico”.

___________________________________________________________________________________

Quali sono i soggetti ammessi al contributo?

Il meccanismo di incentivazione è rivolto a due tipologie di soggetti: Amministrazioni pubbliche;

Soggetti privati, intesi come persone fisiche, condomini e soggetti titolari di reddito di impresa o di reddito agrario (i soggetti privati possono richiedere incentivi solo per gli interventi al punto 2. del paragrafo successivo).

Quali sono gli interventi incentivabili?

Gli interventi incentivabili con il “Conto Termico”  sono:

1. interventi di incremento dell’efficienza energetica di edifici esistenti

a) isolamento termico di superfici opache delimitanti il volume climatizzato;

b) sostituzione di chiusure trasparenti comprensive di infissi delimitanti il volume climatizzato;

c) sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti di climatizzazione invernale utilizzanti generatori di calore a condensazione;

d) installazione di sistemi di schermatura e/o ombreggiamento di chiusure trasparenti con esposizione da Est-Sud-Est a Ovest, fissi o mobili, non trasportabili.

2. interventi di piccole dimensioni di produzione di energia termica da fonti rinnovabili e di sistemi ad alta efficienza 

a) sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti di climatizzazione invernale dotati di pompe di calore, elettriche o a gas, utilizzanti energia aerotermica, geotermica o idrotermica;

b) sostituzione di impianti di climatizzazione invernale o di riscaldamento delle serre esistenti e dei fabbricati rurali esistenti con impianti di climatizzazione invernale dotati di generatore di calore alimentato da biomassa;

c) installazione di collettori solari termici, anche abbinati a sistemi di solar cooling;

d) sostituzione di scaldacqua elettrici con scaldacqua a pompa di calore.

Al verificarsi di certe condizioni tra le spese incentivate sono previste anche quelle per la Diagnosi Energetica e la Certificazione Energetica dell’edificio oggetto di intervento.

In cosa consiste il “Conto Termico”?

L’incentivo è un contributo alle spese sostenute e consiste in denaro contante che viene erogato in rate annuali per una durata variabile (fra 2 e 5 anni) in funzione degli interventi realizzati.

Quali sono gli interventi incentivabili per i soggetti privati?

I soggetti privati possono accedere agli incentivi solo per gli interventi di piccole dimensioni relativi a impianti per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili e sistemi ad alta efficienza di seguito elencati:

  1. sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti  con impianti di climatizzazione invernale dotati di pompe di calore, elettriche o a gas, utilizzanti energia aerotermica, geotermica o idrotermica;
  2. sostituzione di impianti di climatizzazione invernale o di riscaldamento  delle serre esistenti e dei fabbricati rurali esistenti con impianti di climatizzazione invernale dotati di generatore di calore alimentato da biomassa;
  3. installazione di collettori solari termici, anche abbinati a sistemi di solar cooling;
  4. sostituzione di scaldacqua elettrici con scaldacqua a pompa di calore.

Sono incentivabili anche gli interventi realizzati su nuovi edifici o edifici sottoposti a ristrutturazioni rilevanti?

Gli interventi realizzati su edifici nuovi o sottoposti a ristrutturazioni rilevanti accedono agli incentivi limitatamente alla quota eccedente quella necessaria per il rispetto degli obblighi di integrazione delle fonti rinnovabili negli edifici di nuova costruzione e negli edifici esistenti sottoposti a ristrutturazione rilevante, previsti dal D.Lgs. 28/11 e necessari per il rilascio del titolo edilizio.

Qual è la procedura di accesso all’incentivo?

Il “Conto Termico” definisce tre diverse modalità di accesso ai meccanismi di incentivazione e per tutti è necessaria

l’iscrizione ai registri devono essere effettuate necessariamente tramite il portale informatico denominato “Portaltermico” accessibile dal sito del GSE (https://applicazioni.gse.it).

Le tre modalità di accesso sono:

  • Accesso diretto agli incentivi a seguito della conclusione degli interventi (utenti privati);
  • Prenotazione degli incentivi e successivo accesso diretto agli incentivi a seguito della conclusione degli interventi   (consentito solo alle pubbliche amministrazioni);
  • Iscrizione ai registri e successiva richiesta degli incentivi a seguito della conclusione degli interventi (previsto quando l’intervento riguarda la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di pompe di calore o generatori a biomassa con potenza termica nominale dell’impianto maggiore di 500 kWt e inferiore o uguale a 1000 kWt).

Entro quale termine deve essere presentata la richiesta di incentivo?

La domanda deve essere presentata, a pena di esclusione, entro 60 giorni dalla data di conclusione dell’intervento.

La data di conclusione dell’intervento deve essere univocamente individuata nell’asseverazione rilasciata dal tecnico abilitato o dal direttore lavori sulla conformità al progetto delle opere realizzate, ovvero attraverso un auto dichiarazione dello stesso Soggetto Responsabile nei casi in cui tale asseverazione non risulti necessaria.

Il “Conto Termico” è cumulabile anche con altri incentivi?

No, gli incentivi previsti dal “Conto Termico” possono essere riconosciuti esclusivamente agli interventi per la cui realizzazione non siano concessi altri incentivi statali.

UN ESEMPIO PRATICO

Installazione di un impianto solare termico con le seguenti caratteristiche

  • attestazione di conformità alla norma UNI EN 12975
  • certificazione solar keymark superficie di 4,06 mq
  • la garanzia dei collettori solari e dei bollitori di almeno 5 anni
  • la garanzia degli accessori e dei componenti elettrici/elettronici di almeno 2 anni
  • capacità 300 lt.
  • costo impianto e installazione 2300 €
  • TOTALE INCENTIVO 1380,40 €

 Calcolo dell’incentivo

Per gli interventi di installazione di collettori solari termici anche abbinati a sistemi di solar cooling l’incentivo è calcolato secondo la seguente formula:

                        Ia tot = Ci x Sl

Ia tot [€/anno]: incentivo totale annuo;

Ci [€/kWht]: coefficiente di valorizzazione dell’energia termica prodotta;

Sl [m2]: superficie solare lorda dell’impianto.

Per l’intervento considerato il coefficiente di valorizzazione dell’energia termica prodotta è pari a 170 €.

                        Ia tot = 170 x 4,06 = 690,20 €/anno

La durata dell’incentivo per l’intervento considerato è di 2 anni in quanto la dimensione dell’impianto è inferiore ai 50 mq.

L’incentivo totale spettante al richiedente è pari a: 1380,40 € e verrà corrisposto in 2 rate per mezzo di bonifico/assegno bancario.

___________________________________________________________________________________

Scarica il Decreto Legislativo del 3 marzo 2011, n. 28

[button link=”http://www.acs.enea.it/doc/dlgs_28-2011.pdf” color=”blue” newwindow=”yes”] Scarica il Decreto Legislativo del 3 marzo 2011, n. 28 [/button]

___________________________________________________________________________________

Hai bisogno di un aiuto per usufruire del conto termico?

Non esitare a contattarci.